fbpx

Type at least 1 character to search

Social Media Trend, cosa ci dicono questi primi mesi del 2022

Dopo esserci occupati a Dicembre di tracciare una panoramica sui principali marketing trend del 2022 ci focalizzeremo oggi sul mondo social, analizzando le novità più importanti ed identificando quali sono le tipologie di formato più premiate dagli algoritmi di Facebook, Instagram, Linkedin, Twitter, TikTok e YouTube.

Social Trend, ecco cosa succede in casa FACEBOOK ed INSTAGRAM

Iniziamo la nostra analisi parlando di quel che succede in casa Zuckerberg, in particolare del modo in cui si sta rispondendo al crescente successo di TikTok.

I concetti chiave della strategia pianificata ed implementata da Facebook sono questi: video e nicchie di utenti.

L’algoritmo premierà infatti la diffusione di contenuti video capaci di comunicare in breve tempo attraverso immagini e grafiche innovative con gli utenti, proprio come accade nel mondo Instagram con i Reels e su TikTok.

Gruppi Facebook, Facebook Live e Live Audio Room sono gli strumenti scelti per lavorare sul tema della maggiore vicinanza con gli utenti e che puntano a migliorare l’usabilità dei contenuti condivisi, avvicinando maggiormente coloro che condividono gli stessi interessi e il medesimo linguaggio.

I contenuti video restano i protagonisti della strategia di Instagram: qui i contenuti maggiormente premiati sono quelli informativi, con un contenuto realmente utile e ovviamente divertente.

Per rispondere alle nuove esigenze degli utenti Instagram faciliterà inoltre la vendita dei prodotti attraverso nuovi strumenti tecnici in grado di semplificare il rapporto tra video, influencer e acquisto online.

Tutte queste migliorie rappresentano per le aziende nuove opportunità di guadagno ed un canale nuovo dove investire per restare sempre al passo con i tempi.

I nuovi trend provenienti dal mondo di TikTok

Brevi, divertenti e di tendenza: i video restano protagonisti indiscussi quando si parla di TikTok.
Ci sono però delle piccole novità, ovvero:

  1. una maggiore durata dei video: ora gli utenti possono realizzare e diffondere contenuti di tre minuti;
  2. durata massima dei Reels di 60 secondi;
  3. possibilità di inserire nelle live streaming link per l’acquisto di prodotti.

L’ultima funzionalità al momento è in fase di test solo in alcuni Paesi.

Modalità CREATOR e commercializzazione dei prodotti: ecco le principali novità di LINKEDIN

Nel mondo dei social network Linkedin rappresenta un ponte tra le aziende che offrono lavoro e coloro che sono alla ricerca di un’occupazione.

Per migliorare ulteriormente le proprie performance in questo campo Linkedin ha introdotto la modalità Creator, una nuova impostazione del profilo che ha l’obiettivo di supportare gli utenti nella creazione e condivisione di contenuti per far crescere progressivamente la propria base di collegamenti.

Quando si attiva questa modalità si ha la possibilità di accedere a strumenti come Video, Linkedin Newsletter, Linkedin Live e l’Hub Creator dove sperimentare tutte le nuove funzionalità.

L’implementazione della modalità Creator sta seguendo un percorso graduale.

Anche Linkedin punta all’introduzione di nuove funzioni che permettono agli utenti di commercializzare i propri prodotti (sono previsti abbonamenti sia per gli utenti business che per le aziende).

I principali trend social trend di Twitter

Contenuti brevi e di valore sono sempre stati il tratto caratteristico di Twitter.

Per questo 2022 il social network ha pensato di dare più spazio ai contenuti audio, premiando con una maggiore visibilità quelli di più immediato utilizzo.

Agli utenti che si trovano a gestire grandi community di seguaci viene offerta la possibilità di creare delle stanze private dove discutere, scambiare informazioni e contenuti.

 

Trend social: su YouTube cambia l’algoritmo!

Lo scorso anno YouTube ha investito nei contenuti brevi permettendo la realizzazione di video dalla durata di 60 secondi con il proprio smartphone e l’app Shorts.

Anche per quest’anno i video brevi (come pure i contenuti live ed on demand) restano una priorità della piattaforma: i vertici di YouTube hanno fatto sapere che il formato Short ha superato i 5 bilioni di visualizzazioni totali.

Gli utenti avranno a disposizione nuovi strumenti di editing e nuove opportunità di monetizzazione attraverso la realizzazione di contenuti brandizzati (per esempio sarà possibile effettuare acquisti direttamente da un video Short).

Il cambiamento più importante sarà quello a livello di algoritmo.

Tag e titolo, da sempre fattori cruciali nel successo dei video presenti sulla piattaforma, avranno un peso minore: acquisirà maggiore importanza la somiglianza con altri contenuti di successo.

Anche YouTube, come Facebook, ha deciso di dare più spazio e attenzione alle nicchie di utenti altamente profilate: a questi piccoli gruppi saranno mostrati contenuti, video e prodotti nuovi perfettamente in target.

Hai già pianificato la tua strategia social?

Richiedi un incontro con i nostri consulenti!