fbpx

Type at least 1 character to search

Velocizzare sito wordpress, perché non puoi rimandare e come farlo in 9 passi

Il livello delle prestazioni di un sito web rappresenta l’ago della bilancia quando in ballo ci sono l’andamento delle vendite e del traffico organico.

In un momento come questo, dove l’orientamento al mobile è predominante ed i siti web vengono caricati con una connessione 4G, la user experience è strettamente legata al fattore tempo di caricamento.

Che cos’è la velocità di un sito web e quali sono gli attori coinvolti nel processo di caricamento

Quando si parla di velocità di caricamento di un sito ci si riferisce al tempo necessario per scaricare dai server di hosting una pagina web e/o un contenuto multimediale e visualizzarli sul proprio browser.

Il processo di caricamento di un sito internet prevede l’interazione simultanea tra:

  1.  il browser utilizzato dall’utente per navigare (Firefox, Safari, Explorer, Edge, Chrome)
  2.  i file che fanno arrivare al cliente le informazioni richieste (in gergo tecnico vengono identificati con il nome di pipe)
  3. l’account hosting, ovvero lo spazio in cui si trova il sito web (il server)

In che modo questi attori interagiscono tra loro restituendo a video il sito web ricercato?

L’utente ricerca il sito nel proprio browser, il pipe gira questa richiesta al server che a sua volta rimanda i file che l’utente vuole visionare al client attraverso il pipe.

Il client lavora organizzando questi file in modo che il visitatore sia in grado di visionarli come un unico prodotto finito: il sito web appunto.

Quanto più il lasso di tempo necessario per questo processo è lungo, tanto più si riduce la “pazienza” dell’utente e, di conseguenza, la possibilità che questo resti sul sito e/o effettui un acquisto.

Velocizzare sito web: qual è l’approccio giusto da seguire?

Sicuramente RIMANDARE non è la soluzione migliore: un sito web lento ha una frequenza di rimbalzo molto alta e viene penalizzato da Google che mette al primo posto la qualità dell’esperienza di navigazione degli utenti.
Per ottimizzare la velocità di un sito web è necessario eseguire una prima analisi accurata ponendosi come obiettivo l’identificazione delle principali criticità.

Individuati gli aspetti da migliorare ed i problemi da risolvere è possibile proseguire con la fase finale di implementazione delle azioni correttive necessarie.

Il web offre diversi strumenti per verificare e valutare i tempi di caricamento di un sito web, certamente quelli più utilizzati sono: GTmetrix, Pingdom e il PageSpeed Test di Google.

Quali sono le cause più frequenti per un tempo di caricamento lento?

Tra le cause ricorrenti che generano problemi di caricamento del sito web troviamo:

  1. immagini non ottimizzate in modo adeguato
  2. errori nella configurazione del web hosting
  3. l’utilizzo di un numero elevato di script esterni associati a font, annunci e librerie JavaScript

Utilizzando come “cavia” il sito aziendale di Hi-Net e tenendo bene a mente le problematiche riscontrate nel corso dell’analisi della velocità eseguita, abbiamo costruito una guida in 9 punti da seguire per velocizzare un sito web.

Speed Up sito WordPress: il nostro percorso in 9 tappe

Certamente non esiste una ricetta universale che permette di ottimizzare la velocità di un sito WordPress, tuttavia è possibile individuare 9 aspetti che dovrebbero sempre essere presi in considerazione sia durante la fase di analisi iniziale che durante la realizzazione del sito stesso.

PRESTA ATTENZIONE ALLA SCELTA DELL’HOSTING

Un server hosting lento influenza negativamente i tempi di caricamento del sito web.

Non farti ingannare da soluzioni troppo economiche: non promettono niente di buono dal punto di vista delle prestazioni.

Molte aziende, soprattutto all’inizio, prediligono un hosting condiviso per contenere l’investimento e ripartire i successivi costi di manutenzione del server con altri siti web: è un buon punto di partenza ma non può essere la scelta definitiva soprattutto quando parliamo di e-commerce che necessitano di soluzioni dedicate per essere sempre performanti.

Hi-Net in qualità di Data Center offre servizi Cloud Server Virtuali ed Hosting di siti web, e-commerce e Web App sviluppando soluzioni customer sulla base delle esigenze del singolo cliente.

Scopri i nostri servizi di Cloud Hosting e Co-Location

VELOCIZZARE SITO WORDPRESS: plugin per immagini

Come abbiamo visto la mancata ottimizzazione delle immagini di un sito web rientra tra le cause più frequenti di tempi di caricamento lenti.

In base al formato (JPEG, PNG, GIF) ed il metodo di compressione utilizzato una stessa immagine può avere dimensioni differenti.

Oltre a software di modifica come Photoshop esistono diversi plugin che ti permettono di modificare ed ottimizzare le immagini del tuo sito web, tra questi uno dei più utilizzati è sicuramente Imagify.

Con questo plugin potrai scegliere tra tre differenti livelli di compressione dell’immagine e migliorare nettamente le prestazioni del tuo sito web dal momento che i media vengono prima compressi sui server di Imagify.

VELOCIZZARE SITO WORDPRESS: plugin per la cache

Oltre all’utilizzo di CDN che si serve della tecnologia di caching per offrire agli utenti i contenuti ricercati più velocemente, puoi contare su molti plugin tra questi uno dei più performanti è WP Rocket dal momento che:

  • permette di tenere pulito il database eliminando gli elementi superflui;
  • non richiede modifiche nel codice del sito stesso.

RIDUCI I FILE CSS e JS

Minimizzando il numero di file CSS e JS è possibile diminuire i tempi di caricamento e dunque velocizzare sito WordPress.
Anche in questo caso WP Rocket rappresenta una valida alternativa in quanto permette di ridurre il codice CSS, JS e HTML.

PLUGIN PER VELOCIZZARE WORDPRESS: scegli con cura ed installa solo quelli affidabili

Hai effettivamente bisogno di tutti i plugin installati sul tuo sito web?

L’utilizzo di questi strumenti permette indubbiamente di aumentare le funzionalità del tuo sito ma un utilizzo eccessivo potrebbe comprometterne le prestazioni.

Scegli con cura i plugin, cercando di installare quelli più affidabili ed effettivamente compatibili con la versione del tuo tema: nel lungo periodo la presenza di numerosi componenti aggiuntivi potrebbe causa problemi di compatibilità.

CREA UNA HOME DAL DESIGN PULITO PER VELOCIZZARE IL SITO WEB

La home page è da sempre la pagina più importante e più forte di un sito web, quella in cui tutti gli utenti atterrano e da dove iniziano a scoprire la storia e l’offerta dell’azienda.

Realizza una Home dalla struttura e dal design pulito, evitando di utilizzare soluzioni troppo complesse che appesantiscono il sito compromettendo l’esperienza di navigazione dell’utente.

ABILITA LA COMPRESSIONE GZIP

La compressione GZIP è un’altra strada che viene spesso utilizzata per comprimere pagine web, CSS e Javascript.

Puoi utilizzare Check GZIP compression per controllare se la compressione GZIP è effettivamente attiva.

L’UTILIZZO DI CDN PER VELOCIZZARE SITO WORDPRESS

Scegliere un provider di hosting sicuro ed affidabile è importante quando si vuole velocizzare sito web ma non sufficiente.

Un altro aspetto che devi prendere in considerazione durante l’analisi della velocità e nel corso dell’implementazione delle azioni correttive necessarie è rappresentato dalla navigazione di utenti globali che proveranno ad accedere al tuo sito web nello stesso momento da differenti parti del mondo.

In questo caso l’utilizzo di CDN, ovvero di una rete di Content Delivery, è un valido aiuto per ottimizzare la velocità del sito web: tutti i tuoi dati vengono archiviati su server POP nel mondo e quando un visitatore globale prova ad accedere al sito il contenuto viene prelevato da un server locale e non direttamente dal tuo server web.

L’utilizzo di CDN non è indispensabile per velocizzare sito WordPress ma è comunque un elemento che può essere preso in considerazione per raggiungere i traguardi prefissati a livello di performance.

VELOCITÀ DEL SITO WEB E LINK ROTTI: quanto influiscono nel processo di ottimizzazione?

Infine, l’ultimo aspetto da controllare è la presenza di link esterni che restituiscono errori 404.

Questo elemento esercita un’influenza negativa sull’esperienza di navigazione degli utenti, inoltre, la presenza di link rotti all’interno di Url di immagini, CSS e JavaScript aumenta i tempi di caricamento del sito.

Per verificare la presenza di link non funzionanti ed eseguire un’analisi SEO a più ampio raggio ci sono diversi strumenti come Screaming Frog e Sitebulb.

QUANTO È VELOCE IL TUO SITO WEB?

Richiedi un incontro con i nostri consulenti per velocizzare il tuo sito WordPress ed incrementare le vendite!